Skip to Content

tag

Tag Archives: surriscaldamento

post

Green Event è la nuova certificazione per eventi sostenibili

Che il Trentino Alto Adige fosse fra le prime regioni in Italia a “trattare” con una certa frequenza le tematiche di eco-sostenibilità degli spazi urbani, dei veicoli, nello smaltimento dei rifiuti, nella promozione turistica ormai è cosa assodata. Non sempre, però le iniziative di questo tipo sono anche innovative, diverse dal solito, specificamente mirate a obiettivi precisi.

Non è certo il caso di uno dei più recenti progetti della Provincia Autonoma di Bolzano che, con “Green Event”, si propone di certificare eventi e manifestazioni che si fanno virtuosi per lo sforzo di contenere il relativo impatto ambientale. …continua »

post

Smart city e smart mobility, queste sconosciute

Che bellezza questa Smart city e smart mobility… ma cos’è?

Probabilmente, se viviamo in Italia, tutto ciò a cui siamo abituati a pensare quando si parla di “smart” sono quei fantastici confetti colorati che ci piacevano da piccoli (Smarties), la biposto tedesca che si parcheggia dappertutto (SMART) e, per i più tecnologici di noi, i più moderni telefonini touch-screen (Smartphone). Provate a fare un test fra i vostri conoscenti. Quanto di loro vi risponderanno “Smart city” o “Smart mobility” se interrogati sulle possibili varianti che partono da smart?

La cosa più semplice da fare, quando si parla di smartness in Italia, è una semplice traduzione: cio che è smart in inglese, in italiano diventa un mix fra intelligente, brillante, acuto. Cosa succede, quindi, se a diventare smart sono le città o, addirittura, la mobilità? …continua »

post

Carpooling per gruppi? Una nostra responsabilità, ma…

“Noi di Flootta” proponiamo una particolare tipologia di mobilità sostenibile: Carpooling per gruppi.

Ma il titolo del post di oggi non fa riferimento al “noi di Flootta”, “noi” come azienda. Oggi parliamo di un Noi più diffuso, più importante, con la N maiuscola. Oggi parliamo della responsabilità di ciascuna singola persona, non tanto in contrapposizione a quella delle aziende, ma in sinergia.

Qualche giorno fa Diana Guzmán, Director Southern Europe di CDP (Carbon Disclosure Project), ha rilasciato un’interessante intervista per Green Revolution, blog italiano che si occupa di tematiche economico-finanziarie legate allo sviluppo sostenibile e la tutela dell’ambiente.

Le parole della direttrice hanno molto colpito noi di Flootta, ma cosa più importante, dovrebbero colpire anche Noi come gruppi di cittadini legati da un interesse comune: il nostro pianeta. Nell’intervista, come risposta all’ultima domanda dell’intervistatore, Diana Guzmán afferma: …continua »

post

Mobilità condivisa per salvare il pianeta

Chi viaggia in flotta inquina meno: respiri tu, respira l’ambiente. Il clima sta cambiando: con un aumento via via più veloce delle temperature medie durante l’ultimo secolo, assistiamo sempre più spesso ad eventi meteo estremi. Chi ama la natura, e ogni tanto la frequenta, lo sa bene. Gli altri possono farsene una idea leggendo, ad esempio, il rapporto sul clima del 2010 elaborato dall’ISPRA.

“Le variazioni climatiche non hanno ripercussioni solo sui sistemi fisici ma anche su quelli biologici e, conseguentemente, sui servizi che questi offrono all’umanità: l’alterazione degli ecosistemi e dei servizi ecosistemici è ormai riconosciuta, infatti, come uno degli effetti inevitabili dei cambiamenti climatici. Sebbene molti scienziati sottolineino la capacità degli ecosistemi di adattarsi entro un certo limite alle temperature crescenti, la combinazione delle pressioni antropiche e dei cambiamenti climatici aumenterà il rischio di perdita di numerosi sistemi.

I cambiamenti climatici possono influire sulla biodiversità, direttamente o indirettamente, attraverso un’interazione complessa a livello sia di specie sia di habitat: in un nuovo regime climatico la struttura degli habitat e le funzioni ecologiche saranno destinati a cambiare, così come la capacità delle specie di sopravvivere.” (fonte: annuario ISPRA 2011)
…continua »