Skip to Content

blog post

Parcheggi riservati al carpooling? Speriamo…

Lo sanno tutti: il problema principale dei possessori di auto in città, come abbiamo scritto nel nostro recente post, è “cercare parcheggio“. Ma la soluzione che proponiamo oggi, già ampiamente adottata negli Stati Uniti, non è così nota in Italia come il problema alla sua radice. Ma qual è questa soluzione? Anzitutto il presupposto è che si riesca a affermare il carpooling come sistema diffuso di mobilità sostenibile. Detto questo, ecco la sfida:

Riserviamo un certo numero di parcheggi alle auto destinate al carpooling.

In azienda, nei centri commerciali, all’università, in centro: dare una vera spinta alla mobilità condivisa significa farsi carico di scelte importanti, saper affrontare questioni complesse e impegnarsi a promuoverne la diffusione con tutti i mezzi …continua »

blog post

Salva i ciclisti. E la tua città

Vai al lavoro in bici? Rischi la vita spingendo sui pedali ogni giorno per andare a scuola? O semplicemente ti piacerebbe fare un giro in bicicletta per la tua città senza dover fare lo slalom fra un mare di auto imbizzarrite? Allora conoscerai di sicuro la campagna Salva i Ciclisti. A noi di FLOOTTA i ciclisti piacciono: per questo vogliamo dare il nostro contributo. Viaggiare in gruppo, offrendo passaggi in auto ai propri amici o colleghi, ha un impatto diretto sulla sicurezza del traffico: riducendo il numero di auto in movimento, si riducono i rischi per i ciclisti …continua »
blog post

Scuole iniziate? Traffico raddoppiato

Che tempo farà? No, non parliamo di previsioni meteo, ma dell’andamento del traffico: con l’inizio della scuola inizia anche la stagione dei pm10, delle targhe alterne, degli stop alla circolazione, dei disagi per i pendolari, degli ingorghi.

Il caro benzina ridurrà il traffico? A contar le auto coi motori accesi, in tripla fila davanti le scuole, sembra proprio di no. E se l’introduzione dell’Area C a Milano ha dato una boccata di respiro all’inquinamento, incentivando qualcuno ad offrire passaggi in auto per dividere le spese di viaggio, e a viaggiare in compagnia dei propri colleghi …continua »

blog post

Cercare parcheggio o viaggiare intelligenti?

Nelle città c’è traffico. Tanto, troppo. E perché? Per cercare parcheggio. Questo afferma Donald Shoup, della University of California – Los Angeles. Circa il 30% del traffico è fatto di guidatori che cercano un posto dove lasciare l’auto.

Per Shoup, che ha analizzato vari studi sul campo compiuti fra il 1927 e il 2001 in vari centri urbani, non c’è dubbio. Per trovare un posto libero ci vogliono in media tra i 3 minuti e mezzo e i 14 minuti, questo significa che tra l’8% e il 74% del traffico è da attribuire ad auto che, sconsolate, cercano parcheggio.

Vi sembra poco l’8%? Grosso errore. Una ricerca compiuta in Francia e riportata dallo Spiegel constata che, anche se solo il 10% dei conducenti sono alla ricerca di posti auto, essi sono responsabili per oltre la metà dell’inquinamento atmosferico prodotto, dato che la loro ricerca crea traffico e intralcia gli altri automobilisti.
…continua »

blog post

Mobilità condivisa per salvare il pianeta

Chi viaggia in flotta inquina meno: respiri tu, respira l’ambiente. Il clima sta cambiando: con un aumento via via più veloce delle temperature medie durante l’ultimo secolo, assistiamo sempre più spesso ad eventi meteo estremi. Chi ama la natura, e ogni tanto la frequenta, lo sa bene. Gli altri possono farsene una idea leggendo, ad esempio, il rapporto sul clima del 2010 elaborato dall’ISPRA.

“Le variazioni climatiche non hanno ripercussioni solo sui sistemi fisici ma anche su quelli biologici e, conseguentemente, sui servizi che questi offrono all’umanità: l’alterazione degli ecosistemi e dei servizi ecosistemici è ormai riconosciuta, infatti, come uno degli effetti inevitabili dei cambiamenti climatici. Sebbene molti scienziati sottolineino la capacità degli ecosistemi di adattarsi entro un certo limite alle temperature crescenti, la combinazione delle pressioni antropiche e dei cambiamenti climatici aumenterà il rischio di perdita di numerosi sistemi.

I cambiamenti climatici possono influire sulla biodiversità, direttamente o indirettamente, attraverso un’interazione complessa a livello sia di specie sia di habitat: in un nuovo regime climatico la struttura degli habitat e le funzioni ecologiche saranno destinati a cambiare, così come la capacità delle specie di sopravvivere.” (fonte: annuario ISPRA 2011)
…continua »

blog post

Flootta ti semplifica la vita

Il torneo di calcetto fra colleghi o amici, la pizza con i compagni delle medie che non vedi da tanti anni, il concerto di quella band che è una vita che aspetti passi per l’Italia, l’uscita in bicicletta su quel passo che ancora non sei riuscito a scalare, la serata di bagordi dopo la promozione. Sono tante le occasioni in cui ti trovi a dover organizzare una cena, una gita con amici, una partitella a calcetto, una macchinata per andare ad un concerto, ecc. ecc. . Bisogna contattare tutti gli interessati, decidere un ritrovo, una meta, un orario. Occorre un ingegnere trasportista per mettere insieme le macchine ricordandosi che: la pizzeria ha pochi parcheggi, Giuseppe parte da Trento, Enrico da Rovereto, Sara da Riva del Garda e Marta, che parte da Verona, vuole viaggiare con Sara, mentre Giancarlo, che parte da Levico Terme, non viaggerebbe mai con Enrico a meno che non ci sia anche Francesco. Una confusione incredibile.
…continua »

blog post

Flootta è eco: economico, ecologico

Quanto possiamo risparmiare viaggiando in flotta? Tanto, e sempre di più. Mentre leggiamo nei giornali che il costo della benzina è aumentato del 170% in vent’anni, le famiglie devono sempre di più stringere la cinghia per fare il pieno.A soffrire non è solo il portafolio, anche l’ambiente risente molto pesantemente per l’impatto inquinante del vecchio modo di viaggiare. E l’ambiente, ricordiamocelo, è il nostro futuro.

Se vogliamo che anche le future generazioni abbiano la fortuna di vedere un ghiacciaio e che possano sperare di vedere uno scoiattolo o un orso bruno non solo nei musei di zoologia, dobbiamo cambiare abitudini.

l’ENEA (Ente Nazionale Energie Alternative) presenta sul suo sito un informativo approfondimento sui consumi legati ai viaggi e sulle potenzialità di risparmio, che vi riportiamo qui in calce:

…continua »

blog post

Lo spread del traffico

I numeri contano, anche quando si parla di viaggi. Nonostante la benzina sempre più cara e le accise che si accumulano anno dopo anno uno degli spread che ci vedono col segno più è quello del parco auto. Nel 2010, secondo i dati EU, in Italia erano immatricolate 36751000 automobili. Un dato che ci vede secondi, dietro solo alla Germania. Germania che ha però ottanta milioni di abitanti contro i nostri sessanta.
Infatti siamo secondi anche per il dato relativo, con 604 veicoli ogni mille abitanti. La media dell’Europa a 12 paesi è di 368 veicoli per mille abitanti, quella dell’Europa a 27 paesi è di 477 veicoli per mille abitanti. Tradotto, questo significa che in Italia abbiamo un’auto ogni 1,66 persone, mentre, in media, in Europa circola un’auto ogni 2,7 persone. La Germania, per una volta, è alle nostre spalle. Ma c’è poco di cui essere felici.
Siamo veramente sicuri di aver bisogno di tutte queste auto? Quello di un auto a testa non è forse un sogno vecchio, figlio di altri tempi e di altri condizioni? Un sogno che si sta trasformando in un incubo.

Di sicuro è un sogno costoso: nel solo 2009 le famiglie italiane hanno speso 102 miliardi di Euro in automobili, fra acquisto, manutenzione ed esercizio. Cifre in aumento.

Siamo sicuro di dover per forza viaggiare tutti nella propria auto?

Eppure la soluzione c’è: usare meno l’auto. Come? Condividendo il viaggio, scegliendo di offrire o chiedere un passaggio, viaggiando in flotta!

blog post

Presto viaggeremo in flotta

21 settembre 2012:  cambia stagione.

Dalla stagione in cui ci si muove in coda passeremo alla stagione in cui ci si muove in flotta!
E’ un impegno collettivo.

Stay tuned …

blog post

Condividere le stesse emozioni

Flootta non è Car Pooling, è meglio: Flootta è un modo nuovo di organizzare un viaggio in modo condiviso, non una semplice bacheca per mettere d’accordo chi va da un posto all’altro.

Flootta è l’incontro di domanda e offerta di passaggi e qualcosa di più!

Viaggiare assieme non significa solamente muoversi assieme. Viaggiare in flotta significa condividere una passione, un interesse, un obiettivo. Significa cantare con tutta la flotta prima di arrivare ad un concerto. Significa avere la sciarpa della stessa squadra, e condividere la gioia di una vittoria o l’amaro di una sconfitta. Significa ripassare assieme i punti più sensibili di una presentazione di lavoro mentre ci si reca alla conferenza per cui si è lavorato un anno intero. Significa ritrovarsi dopo anni che non ci si vede, e ricordarsi di tutti i soprannomi dei compagni di banco. Significa cominciare a sentire il profumo di mare quando si è ancora in autostrada.

…continua »